Calcolo rapporto rata reddito di un mutuo o prestito e capitale massimo finanziabile


Calcolo del rapporto tra rata e reddito di un prestito personale + importo del capitale massimo finanziabile per un mutuo o finanziamento in genere


 Domanda: fino a che ammontare massimo posso chiedere alla mia banca ? Questa è la classica domanda che ognuno di noi si pone prima di chiedere un finanziamento di qualsiasi natura (mutuo, prestito, leasing, etc.) presso banche o società finanziarie. Cioè il rapporto rata reddito mensile.
Risposta: la cifra massima finanziabile è il risultato di tre variabili !
La prima: la più importante. Trattasi del reddito mensile dichiarato al netto da tasse, imposte ed altri eventuali finanziamenti in corso. Da notare che, naturalmente, non tutto il reddito può essere destinato al pagamento della rata o delle rate, se sono più di una: il finanziamento può arrivare, cioè può decurtare circa un terzo (1/3) del nostro reddito mensile, al massimo alcune banche arrivano al 40 per cento (40%), ma non oltre.
La seconda: i tassi di interessi. Questi incidono nella somma massima erogata in quanto, a parità delle altre due variabili, accorciano il capitale massimo ottenibile, cioè più alto sarà il tasso o saggio di interesse, meno sarà il capitale erogato e viceversa. Questo perche il maggiore o minore tasso incide nella determinazione della singola rata, sempre a parità delle altre variabili.


La terza: gli anni del rimborso. Questi, a volte, sono interamente giostrabili da chi chiede il capitale in prestito in quanto, a parità delle superiori variabili, sempre a volte, si tende ad allungare il rimborso per ottenere rate più basse a prescindere dal rapporto rata reddito. Ma spesso non è una scelta: di fatto si è costretti ad aumentare il periodo di ammortamento cioè il rimborso perchè è l'unico modo per riequilibrare il predetto rapporto rata reddito. Tuttavia, aumentando gli anni è sì possibile ottenere il maggiore finanziamento a fronte, però, di un maggior esborso di interessi, anzi, considerato che, nel caso dei mutui, il prezzo degli appartamenti non è proprio alla portata di tutti, quello di portare gli anni del rimborso a 30 o addirittura a 40 è diventato qualcosa di dannatamente normale.

 Cosa calcola il software sottostante ? Rispetto a tutti gli altri softwares di calcoli finanziari presenti in Calcolaonline.com, questo usa un procedimento di calcolo inverso, atto a ricavare il massimo finanziamento erogabile in base al vostro reddito mensile oltre il tasso di interesse e la durata del rimborso in anni. In questo modo vi sarà possibile previamente sapere fino a che somma può darvi in prestito la vostra banca o comunque un mediatore finanziario, in base alle vostre entrate mensili. Inoltre, posto un determinato reddito mensile, sarà necessario aumentare il numero degli anni al fine di ottenere una maggiore somma in finanziamento. Facciamo un esempio pratico: simulazione standard, reddito netto mensile di 2000 euro, max 40% = 800 euro. Con ottocento euro mensili in 20 anni al tasso del 3% è possibile ottenere un mutuo di circa 144.000 euro. Se invece aumentiamo gli anni portandoli a 30 la somma ottenibile sarà di 190.000 euro circa ovvero circa 45.000 euro in più. Capito come funzione! Vedete che differenza! NB: Al fine di sviluppare un calcolo genuino e corrispondente alla realtà oltre ad evitare sgradevoli sorprese in banca, vi ricordiamo di rispettare il rapporto rata reddito e quindi non inserire più del 40% del reddito netto mensile.
Software correlato: calcolo cessione del quinto dello stipendio

Calcolo rapporto rata reddito prestito personale mutuo e finanziamenti


Indica non più del 40% del reddito mensile netto



Specifica la durata del rimborso in anni, ad es. 6



Tasso interesse possibilmente Taeg oppure Tan





Importo massimo erogabile col vs. reddito =

Correlate: prestito personale oltre 75mila euro con rimborso fino a 15 anni




Rapporto rata reddito 2016